labirinti

Migrando con lo smartphone
per non smarrire l’identità

di

La velocità e l’intensità dei flussi comunicativi hanno dato vita a uno spazio mediatico a fianco di quello geografico senza sostituirlo. Una possibilità per i migranti di ricreare luoghi densi di significato.

Berlino, finimondo in mostra
alla Gemäldegalerie

di

C’era una volta il Giudizio Universale: riproponendo The Last Judgement Sculpture, mega-installazione di Anthony Caro, la Gemäldegalerie traccia un percorso tra le visioni ultraterrene di dieci quadri della collezione. 

Dove sono tutti quanti?
A cantare canzonette

di

Non ha limiti, diverte e rapisce grazie a una prosa rigogliosa e un’immaginazione sfrenata: è tutto questo e altro ancora il romanzo Space Opera di Catherynne M. Valente pubblicato da 21Lettere.

Immenso oceano di simboli,
una visione dell’universo

di

Qual è il ruolo del mito? In che senso è una metafora? Come agiscono i simboli religiosi nella psiche? Le ultime lezioni di Joseph Campbell: Le distese interiori del cosmo (nottetempo).

Collassare o accelerare?
La posta in gioco è il futuro

di

Cosa accomuna la collassosofia dei filosofi ecologisti e survivalisti esposta nel libro Un’altra fine del mondo è possibile, e l’accelerazionismo trattato in How to Accelerate? L’inderogabilità del discorso sul futuro post-collasso.

Stracult firmato Cinevox:
la sequenza sonora Tidbeats

di

Frutto di un’appassionata ricerca, Tidbeats, la selezione di Alessio Santoni per Cinevox nel centenario del Gruppo Editoriale Bixio, ri/compone assieme centosessantuno frammenti sonori firmati dai grandi autori italiani di colonne sonore.

Multimedialità selvaggia,
o dell’identità di Tarzan

di

Dai romanzi ai fumetti, dai film alle serie tivù, ai cartoon e i programmi radiofonici, in Tarzan (Edizioni NPE) Raffaele De Falco analizza minuziosamente il personaggio creato da Edgar Rice Burroughs.