in rilievo

Nuovi spazi in bicicletta
per il ciclista nuovo

di

David Le Breton ripercorre in A ruota libera (Raffaello Cortina) la storia di un mezzo di trasporto dapprima surclassato dall’auto e oggi soluzione vincente per contribuire a creare un mondo diverso.

Relazioni privilegiate:
Dante Alighieri e la filosofia

di

La ristampa del classico Dante e la filosofia (Jaca Book) di Ètienne Gilson suggerisce una serie di riflessioni inattuali su Dante e i suoi rapporti con le correnti filosofiche del tempo.

L’immaginazione sulla soglia:
l’illuminato Gustav Meyrink

di

La collana I tre sedili deserti (il Palindromo) pubblica in una nuova traduzione La morte viola di Gustav Meyrink, selezione dei racconti che scrisse per la rivista Simplicissimus a inizio Novecento.

Leggere Antoine Volodine,
oggi, in Mesopotamia

di

È letteratura che dall’altrove procede verso l’altrove quella di Antoine Volodine e tale si conferma con la nuova mirabolante storia post-esotica ora tradotta in italiano e pubblicata da 66thand2nd: Streghe fraterne.

I cento anni di Stanislaw Lem,
l’uomo che fuggì nel futuro

di

A cento anni dalla nascita, Stanislaw Lem continua a sorprenderci per la sua visionarietà grazie a racconti per la prima volta tradotti in italiano e a riedizioni di classici della fantascienza.

Per un’ecologia al riparo
da inquinamenti capitalistici

di

Ambiente, diseguaglianze, informazione. Cosa tiene insieme questi tre temi? Quali le possibili vie d’uscita? Prova a spiegarlo Davide Mazzocco nel suo ultimo libro Geomanzia edito da Palermo University Press.

Baudrillard, o un pensiero
ai confini dell’iperrealtà

di

L’amico di un tempo, Serge Latouche azzarda una biografia intellettuale in Quel che resta di Baudrillard. Un’eredità senza eredi (Bollati Boringhieri), infrangendo il muro di silenzio eretto intorno al suo pensiero.