in rilievo

Apocalittici e integrati
nell’era algoritmica

di

Nel saggio La dittatura degli algoritmi (Krill Books) il sociologo Paolo Landi descrive un capitalismo che tramite camere d’eco e bolle di filtraggio incentiva la nostra unica visione del mondo.

Alan Wake 2, boschi weird
e orrore del quotidiano

di

Alan Wake 2 è un horror psicologico che chiama David Lynch e Twilight Zone davanti a un David Letterman interdimensionale che se la ride sul disordine delle stanze creative dell’umanità.

Storie di sistemi integrati,
AI e prospettive distopiche

di

Tecnologie avanzate e controllo sociale in un futuro assai prossimo. Dalla casa editrice Zona42 una storia sci fi (ma non solo) italiana fortemente originale: Libellule nella rete di Loretta B. Angiori.

I tratti utopici di un’idea:
la “ditta” Olivetti d’Ivrea

di

Olivetti. Storie da una collezione a cura di Sergio Polano e Alessandro Santero (Ronzani) raccoglie oltre 500 immagini che ben riassumono lo spirito innovativo caratterizzante i novant’anni dell'Olivetti.

Improvvisazioni perpetue:
il moto delle galassie Necks

di

Protagonista da oltre trent’anni, il trio The Necks ha mantenuto le aspettative con l’ultimo album, Travel, e il loro tour che ha toccato l’Italia lo scorso dicembre: a Milano e Foligno.

Aspettando l’infoapocalisse:
i tecnognistici di Erik Davis

di

Pubblicato per la prima volta nel 1998, il saggio Techgnosis (Produzioni Nero) di Erik Davis ha preconizzato la matrice mistica del tecno-utopismo contemporaneo fiorito nella Silicon Valley e le sue derive.

Schegge di paranoia
conficcate nella carne

di

Tutto l’essenziale di Thomas Ligotti nei due racconti compresi nella raccolta Il nesso spettrale, pubblicata da il Saggiatore: solipsismi paranoici, situazioni bizzarre ed episodi macabri, senso diffuso di inutilità cosmica, orrore.