facebook
testatamap

anno XII  |  2016  |  bimestrale  |  codice ISSN 1970 - 3341  |  codice MIUR E195540  |  Reg. trib. Milano n. 16 del 30 gennaio 2014

direttore responsabile Gennaro Fucile  |  graphic designer Fabio Berrettini  |  redazione@quadernidaltritempi.eu


titolo_mappe

q61_mappe_01 q61_mappe_02 q61_mappe_03 q61_mappe_04

ORIENTAMENTI
bussole

ASCOLTI


TAI FEST #1 VOL.1 & 2
di Tai No-Orchestra

Oltre il bordo
di una Terra piatta

di Sandro Cerini

space

LETTURE


IL BAZAR DEI BRUTTI SOGNI
di Stephen King

DETTO IN BREVE...
È SEMPRE IL RE

di Francesca Fichera

space

VISIONI


ASCENSION
di Philip Levens

Sociologia
delle tribÙ artificiali

di Adolfo Fattori

filo

ASCOLTI


CLUSTER 1971–1981
di Cluster

CIRCUITI ELETTRONICI
E PERCORSI ZEN

di Camilla Neri

space

LETTURE


PER UNA TOMBA SENZA NOME
di Juan Carlos Onetti

Il caprone e altri
fallimenti

di Gennaro Fucile

space

VISIONI


L’UOMO DAI 7 CAPESTRI
di John Huston

LA LEGGE aLL'OVEST
DEL RIO PECOS

di Andrea Sanseverino

filo

ASCOLTI


MAGIC PETERSON SUNSHINE
(a cura) di Gilles Peterson
 

L'audio Baedeker
della Foresta Nera

di Alvise Gambarini

space

LETTURE


REBELLION.
DAI PUNK AGLI ARTISTI DI STRADA

di Rita Caccamo

LEEDS '79: THIS IS
(Young) ENGLAND

di Luca Benvenga

space

VISIONI


THE NIGHT MANAGER
di Susanne Bier
 

Il mio nome È Pine,
Jonathan Pine

di Adolfo Fattori

filo
ancore ancore_archivio
ancore

ASCOLTI*

La label em:t si propose come luogo dove far incontrare le differenze a volte profonde presenti nel grande pianeta della musica elettronica e ambient degli anni Novanta. Si distinse per il sound e anche per il look, entrambi singolari.
space ancore

LETTURE

In una Pietroburgo affamata, stretta nella morsa del gelo, semidistrutta dalla guerra civile, assediata dalle epidemie, un manipolo di giovani azzardò una nuova idea di letteratura: i Fratelli di Serapione. Il suo ideologo era Lev Lunc.
space ancore

VISIONI

Una ragazza paffuta sbriga lavori domestici, poi si fa saltare in aria insieme al proprio appartamento e a tutta la città. È l’esordio di Chantal Akermann, allora diciottenne (1968): il corto Saute ma ville (Esplode la mia città, ndr).
filo

*

I file audio si ascoltano nella versione pdf con Acrobat Reader
 
filo